Lavender

Un giorno, in futuro, il profumo della lavanda mi ricorderà di quell’ultimo anno di specialistica all’università, di quando avevo ventiquattro anni e vivevo a in collegio a Torino. Chissà dove sarò allora.

Filari e filari di lavanda stretti in un solo giardino che di sera, a parte d’inverno, emanavano un profumo intensissimo. In aromaterapia dicono che offra il dono dell’equilibrio, della calma e della chiarezza, che sia impiegata per combattere gli stati di confusione d’animo.

Mi ricorderà di quanto la vita sia ironica. Il profumo di quelle minuscole campanule lilla a farti presente la tua confusione, lo spavento, il senso di solitudine delle ore più buie, che l’aroma non riesce a farti dimenticare. Lenisce, forse, per non farti impazzire.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata il 14 settembre 2014 alle 9:42 pm ed è archiviata in Uncategorized. Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: